Studio dell’Avvocato Luigi Maschio & Associati

Mi hanno ritirato la patente

ritiro_patente

Diverse violazioni del Codice della Strada prevedono la sospensione della patente, per un periodo lungo anche diversi mesi, che va da un minimo ad un massimo stabiliti dalla legge per ciascuna violazione.
La durata della sospensione della patente, tra il minimo e il massimo di legge, dipende da diverse circostanze, come, a titolo esemplificativo, la gravità dell’illecito, la recidiva, l’aver provocato l’incidente stradale.

Ritiro per violazione  dell’art. 142 C.d.S. (superamento limiti di velocità)

Il comma 9 prevede che “chiunque supera di oltre 40 km/h ma non oltre i 60 km/h i limiti massimi di velocità è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 500 a € 2000. Dalla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi”.

 

Ritiro per guida in stato di ebrezza

Contro il provvedimento di sospensione della patente è possibile proporre ricorso:

  • al giudice di pace del luogo dove è stato accertato l’illecito, entro 30 giorni dalla data della notifica:
  • per violazione alla norme di comportamento (art. 218 C.d.S.)
  • a seguito di sentenza del giudice di pace (art.224 C.d.S.)
  • al ministero dei trasporti entro 20 giorni dalla data di notifica

 

Per lesioni personali colpose a seguito di incidente stradale (art.223 C.d.S.)